FANDOM


Quote 1.png    Li eliminerò da questo mondo! Io ucciderò tutti i Giganti! Li eliminerò tutti... senza lasciarne neppure uno.   Quote 2.png
— Eren giura vendetta contro i Giganti.

Quel Giorno è il secondo episodio della prima stagione dell'anime di Shingeki no Kyojin prodotto da Wit Studio e Production I.G.

Breve RiassuntoModifica

Il caos dilaga nel Distretto di Shiganshina dove i Giganti continuano a divorare i cittadini. Hannes riesce a salvare Eren e Mikasa, ma viene aspramente aggredito dal ragazzo per non aver salvato sua madre. Hannes gli confessa che non è riuscito a salvarla perchè non ha avuto il coraggio di affrontare il gigante. Dopodiché, Eren e Mikasa raggiungono Armin su un barcone che avrebbe trasportato i cittadini lontano dal distretto. In quel momento però, vedono il Gigante Corazzato sfondare il cancello interno di Shiganshina. Eren giura di vendicarsi dei giganti eliminandoli tutti. I tre vengono poi visti mentre prendono le loro razioni di cibo, ed un'operazione per la riconquista dell Wall Maria viene messa in atto, portando però alla morte il 20% della popolazione umana, compreso il nonno di Armin. Raggiunta l'età adeguata, i tre ragazzi finalmente si uniscono all'esercito come parte del 104° Corpo di Addestramento Reclute.

RiassuntoModifica

Durante la fuga generale dal Distretto di Shiganshina, tra le urla della gente si vede un prete intento a leggere dei passi di un suo libro, per poi finire divorato da un Gigante ed il libro finire a terra, sporco di sangue. Anche una donna, arrivata ad un vicolo cieco, viene afferrata da un gigante, a testimonianza della loro brutalità.

Hannes confessa la sua paura.png

Hannes in lacrime confessa di aver avuto paura del Gigante.

Completamente sotto shock, Eren attacca Hannes per aver lasciato indietro sua madre, asserendo che in alcuni attimi sarebbero riusciti a liberarla ed a trarla in salvo. Hannes è quindi costretto a spiegare ad Eren che lui non è riuscito a salvare la madre poichè gli mancava la forza. Causando ancora più rabbia nel ragazzo, Hannes confessa che egli stesso non è riuscito ad affrontare il Gigante perché non ne ha avuto il coraggio. Mentre i tre sono diretti verso il Wall Maria, a Mikasa tornano alla mente ricordi di un uomo ed una donna morti, portandola a riflettere sulla familiarità di questa situazione di perdita, evidentemente già vissuta.

L apparizione del Gigante Corazzato.png

L'apparizione del Gigante Corazzato a Shiganshina.

Armin, insieme a suo nonno, si trova su un barcone pronto a lasciare Shiganshina, cercando tra la folla anche Eren e Mikasa. Una volta individuatili, si astiene dal chiamarli in quanto nota lo sconforto sui loro visi. Hugo, scortato un gruppo di superstiti verso il cancello interno, si prepara a difenderlo dai giganti, purtroppo senza alcun evidente risultato. Intanto, Hannes ed un altro ufficiale discutono riguardo la chiusura preventiva del portone, in quanto i giganti sono quasi arrivati e non c'è più tempo per aspettare gli altri commilitoni per la ritirata. Con Hannes bloccato da altri due ufficiali, i soldati si apprestano a chiudere in fretta il portone ma un Gigante Corazzato compare all'interno del distretto e, correndo, si schianta verso il cancello interno, sfondandolo e provocando quindi una breccia che permetterà ai Giganti di entrare all'interno del Wall Maria, uccidendo nel frattempo i soldati che cercavano di richiuderlo, compreso Hugo. Eren, compresa la gravità della situazione, realizza di non poter più fare ritorno a casa. Avendo constatato la debolezza del genere umano, giura solennemente di voler eliminare tutti i giganti da questo mondo. Nel frattempo, il padre di Eren cerca di fare ritorno a casa il più velocemente possibile, pregando per l'incolumità della propria famiglia. La notizia della perdita dei territori interni al Wall Maria in favore dei Giganti fa subito il giro di tutti gli altri distretti, con una perdita di circa 10.000 vite umane.

In sogno, Eren vede suo padre che prova a costringerlo a sottoporsi ad un'iniezione di un misterioso siero, e nel frattempo gli torna alla mente la chiave del suo scantinato a Shiganshina. Sentendolo gridare nel sonno, Mikasa lo sveglia, chiedendogli se stesse bene, ma Eren ha ricordi confusi riguardo suo padre e quello strano sogno. Riponendo la chiave appesa al collo all'interno della maglia, Eren e Mikasa si riuniscono con Armin che aveva recuperato da suo nonno delle razioni di cibo per i ragazzi. I tre sono infatti giunti incolumi fino ai territori interni al Wall Rose, ed insieme agli altri sopravvissuti, sono rifugiati in quello che fino a poco tempo fa era un deposito di derrate alimentari.

Nonostante siano sopravvissuti all'attacco dei giganti, la situazione per i profughi è comunque tutt'altro che rosea, in quanto la già presente penuria di cibo inizia ad essere un problema vitale. Sentendo dei soldati del luogo lamentarsi di questa situazione,
Eren colpito e rimproverato da Mikasa.png

Eren viene colpito e rimproverato da Mikasa.

Eren li attacca ma è poi salvato da Armin che si scusa con loro. Eren però accusa Armin di essere un vigliacco pronto ad abbassare la testa di fronte ai più potenti, ma a quel punto Mikasa lo colpisce con un pugno dicendogli che se Armin è un vigliacco, anche loro due lo sono in quanto non hanno avuto altra scelta che fuggire dai Giganti, non avendo nessuna possibilità di abbatterli. L'unica cosa che resta loro da fare è quindi di sopravvivere esaudendo il desiderio espresso in punto di morte dalla madre di Eren.


Il Governo Centrale decide di risolvere il problema della carenza di cibo facendo lavorare i rifugiati nei campi più improduttivi, ma il mangiare non è comunque abbastanza. L'anno successivo, l'846, manda quindi i profughi più adulti a prendere parte ad un'operazione militare con l'obbiettivo di riconquistare le terre del Wall Maria, ma il risultato è disastroso: di 250.000 persone, ovvero il 20% della popolazione, ne ritornarono vivi soltanto poco più di un centinaio. Grazie a queste vittime sacrificali, però, la penuria di cibo è comunque diminuita, anche se Armin è costretto a piangere la perdita del nonno.

I tre ragazzi decidono di arruolarsi nell'esercito e l'anno successivo diventano parte del 104° Corpo di Addestramento Reclute. Durante il discorso introduttivo del loro addestratore, Keith Shadis, Eren rinnova ancora una volta la sua volontà di sterminare i giganti.

Informazioni divulgabiliModifica

Ogni episodio dell'anime è diviso a metà dall' eyecatch in cui vengono mostrate due immagini contenenti informazioni sull'universo de L'Attacco dei Giganti. Quelle riportate in questo episodio recitano:

  1. Mappa di attività del genere umano ①: Questa mappa illustra l'estensione territoriale rimasta al genere umano. Tutto ciò che è al di fuori del Wall Maria resta un completo mistero.
  2. Mappa di attività del genere umano ②: L'altitudine dell'area di attività del genere umano aumenta man mano che ci si avvicina al centro. L'area è ricca di risorse naturali come acqua, minerali e gas.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale