FANDOM


Quote 1.png    Non ci girerò intorno. Tu... chi sei veramente? Un essere Umano? O un Gigante?   Quote 2.png
Kitz Werman chiede ad Eren la sua vera identità

Il Braccio Sinistro è il 1° capitolo del 3° Volume, e il 10° capitolo in totale del manga Shingeki no Kyojin, scritto e illustrato da Hajime Isayama.

Breve Riassunto Modifica

Si apre un flashback che mostra gli eventi successi subito dopo il momento in cui Eren viene ingoiato dal Gigante. All'interno del suo stomaco, il ragazzo piange e si lamenta per la pesante sconfitta, ma rifiuta di arrendersi. Inconsapevolmente, Eren si trasforma in un Gigante uscendo dal mostro che lo aveva divorato, smembrandolo. Appena uscito, gli altri Giganti cominciano a scagliarsi contro di lui, ma Eren li elimina uno dopo l'altro. Nel presente, Eren torna nella sua forma umana e viene circondato da un gruppo di Soldati del Corpo di Guarnigione comandati dal Capitano Werman. Mentre Armin e Mikasa tentano di chiarirgli la situazione, Eren risponde di essere un umano alla domanda del Capitano, anche se quest'ultimo non gli crede. Quando Kitz Werman ordina ai suoi uomini di eliminare i tre con dei colpi di cannone, Eren ricorda quello che gli disse suo Padre in passato per controllare quel Potere. Istintivamente, Eren attiva il potere e si trasforma parzialmente in Gigante per proteggere gli amici dalla palla di cannone in arrivo.

Sommario Modifica

L'intreccio riparte con un flashback che mostra i momenti subito dopo i quali Eren salva Armin dalle fauci di un Gigante. Mentre tenta si uscire dalla sua bocca, il mostro chiude la mascella recidendo il braccio sinistro del ragazzo, che viene in seguito deglutito cadendo nello stomaco del mostro. Al suo interno, Eren è immerso nel succo gastrico del Gigante ed è circondato da un ammasso di cadaveri galleggianti. Incredulo della sua situazione, Eren ripensa all'intenso addestramento a cui lui e le altre reclute sono stati sottoposti, vedendo la sua situazione come una grande ingiustizia. Nonostante il liquido lo assorba sempre di più e nonostante cominci a perdere le forze, Eren giura comunque di uccidere tutti i Giganti presenti sul pianeta, ponendo il suo braccio mozzato verso l'alto e rendendo onore alla sua promessa.

Come d'improvviso, dalla bocca del mostro fuoriesce il braccio di Eren che, nel momento, si è trasformato in un Gigante. Non riuscendo più a contenersi, Eren smembra la schiena del suo carnefice ed esce spezzandogli la spina dorsale. Eren prosegue per le strade di Trost e incontra un altro Gigante, non esitando a demolirgli la mascella con un gancio dopo che questi gli si scaglia contro. Notata la sua immensa forza, Eren comincia a desiderare che altri Giganti si avventino su di lui in modo da eliminarne il più possibile.

Kitz Werman Manga.png

Kitz Werman ordina ad Eren di rivelare la sua identità

Nel presente, Eren afferma in una specie di stato di sonnambulismo di volerli "annientare tutti". Quando Armin lo scuote per svegliarlo, Eren ritrova l'amico e Mikasa accanto a lui, assieme a decine di Soldati del Corpo di Guarnigione che li circondano. Guardando gli uomini armati, Eren li vede estremamente intimoriti nel fissarlo ma subito nota qualcosa di strano: il suo braccio sinistro è presente ed è attaccato al resto del corpo, nonostante ricordi perfettamente di averlo perso non molto tempo prima. Il gruppo di Soldati è guidato dal Capitano Kitz Werman che, senza troppi giri di parole, chiede che Eren espliciti la sua vera identità. Il ragazzo, parecchio confuso, afferma di non capire il senso della domanda e di conseguenza Werman gli urla contro, ordinandogli di fornirgli le prove della sua colpevolezza. Infatti, il Capitano dice di avere molte persone che testimoniano tutto l'accaduto, compresa la trasformazione del ragazzo e la sua fuoriuscita dalla collottola del Gigante, dicendo che non esiterà ad eliminare gli esseri umani ritenuti minacciosi, in modo da evitare la tragedia che colpì il Distretto di Shiganshina 5 anni prima. Werman viene sostenuto da una sua affiliata, il Caposquadra Rico Brzenska, che gli suggerisce di eliminare Eren ora che risulta ancora nella sua forma umana, vedendo l'atteggiamento di Eren e dei suoi amici come un segno di ribellione.

Mikasa estrae le spade e avvisa tutti che chiunque si avvicinerà ad Eren verrà fatto a pezzi da lei in persona. Al fianco di Wreman vi è anche il Capitano Ian Dietrich, che ribadisce la grande perdita che subirà l'esercito dopo l'eliminazione di Mikasa Ackerman, affidata sotto i suoi ordini dopo la formazione della Retroguardia della Guarnigione e dimostratasi come il Soldato più efficace del plotone. Mentre Armin prova a dissuadere Mikasa dal combattere, Eren riflette sulla situazione, continuando a non comprendere il motivo per cui tutti lo definiscono un Gigante. Continuando ad osservare il suo braccio sinistro misteriosamente ricresciuto e dopo le innumerevoli prove, Eren comincia pian piano a prendere coscienza dell'accaduto, ma i suoi pensieri vengono interrotti da Kitz Werman che gli chiede ancora una volta se, in verità, è un Essere Umano o un Gigante. Questa volta Eren risponde decisamente di essere un umano, ma questo non basta a Werman che si scusa con i ragazzi e comincia ad alzare il braccio per ordinare lo sparo di un colpo di cannone dall'alto delle Mura.

Il Gigante di Eren protegge Armin e Mikasa.jpg

Ere si trasforma parzialmente in un Gigante per proteggere Mikasa e Armin

La situazione precipita, Armin si dispera e Mikasa cerca una via di fuga. Eren viene caricato sulle spalle dalla sorella ma, in quel mentre, il ragazzo scorge la chiave che ha legata al collo, ossia quella che suo Padre gli diede prima di scomparire nell'Anno 845. Un' improvvisa serie di ricordi compaiono nella mente di Eren in quel momento. Grisha parla a suo figlio in una foresta molti anni prima, e prepara un iniezione di un misterioso Siero che sostiene cancellare la memoria del bambino una volta che gliel'avrà somministrato. Grisha ordina ad Eren di ritornare assolutamente nella Cantina di casa una volta che avrà riconquistato il Wall Maria. Lo avverte che sarà un viaggio lungo e molto duro e che, per arrivarci, dovrà assicurarsi di saper utilizzare al meglio il suo Potere. Quando la palla di cannone viene sparata, Eren afferra Armin e Mikasa e si morde istintivamente la mano sinistra, innescando una trasformazione che fa comparire attorno al suo corpo quello di un Gigante parzialmente trasformato. Il Gigante stende il braccio verso il proiettile facendolo esplodere. Tutti i Soldati sono terrorizzati e, al diradarsi della nube di fumo, vedono il Gigante di Eren proteggere Armin e Mikasa all'interno della sua gabbia toracica.

Personaggi in Ordine di Apparizione Modifica

  1. Armin Arlert (Flashback)
  2. Eren Jaeger (Flashback)
  3. Gigante Barbuto (Flashback)
  4. Berthold Hoover (Flashback)
  5. Annie Leonhart (Flashback)
  6. Jean Kirschtein (Flashback)
  7. Marco Bodt (Flashback)
  8. Mikasa Ackerman
  9. Kitz Werman
  10. Gigante Corazzato (Flashback)
  11. Rico Brzenska
  12. Ian Dietrich
  13. Grisha Jaeger (Flashback)

Navigazione Modifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale